N. 64c Art. 5 cpv. 1, 13 cpv. 1 Conv. Aia PIA; 15 Conv. Aia prove; 9, 85 cpv. 2 LDIP; 374, 389 cpv. 1, 398 CC

1.  In considerazione dell’esistenza di un elemento di estraneità nella vertenza – ovvero, la nazionalità italiana dell’interessato – e di un procedimento analogo avviato in Italia dalla figlia di quest’ultimo, occorre preliminarmente chinarsi sia sulla questione della competenza territoriale delle autorità di protezione elvetiche che su quella di un’eventuale litispendenza.

N. 63c Art. 5 cpv. 1 Conv. Aia comp. prot. min.; 5 n. 2 lett. a) CLug

3.  La competenza per territorio del giudice svizzero chiamato a disciplinare l’af­fidamento della figlia, il diritto alle relazioni personali e il contributo di mantenimento non è più contestata, tanto meno dopo che il tribunale italiano ha accertato con decisione del 5 novembre 2015 «il proprio difetto di competenza giurisdizionale relativamente alle domande concernenti la figlia (…), per essere competente l’Autorità svizzera».

N. 49c Art. 93 LEF

3.1.  Qualora il debitore escusso viva in concubinato e abbia con il convivente un figlio in comune, egli viene allora equiparato, ai fini della determinazione del suo minimo vitale, al debitore coniugato (DTF 130 III 767, 106 III 17 consid. 3/d; sentenza della CEF 15.2017.43 del 27 luglio 2017 consid. 3.1 con rinvii).

N. 8c Art. 301a, 298a CC

3.2.  […] Alla luce di quanto precede, da quando i genitori si sono separati nella primavera del 2015, la custodia parentale su F. è sempre stata esercitata congiuntamente, ovvero in modo alternato. Persino dopo e oltre la scadenza (31 dicembre 2015) della transazione giudiziaria conclusa davanti al Pretore, i genitori hanno continuato ad esercitare la custodia in modo alternato nella misura in cui F. ha sempre soggiornato per metà della settimana con il padre e per l’altra metà con la madre.

N. 7c Art. 206 cpv. 1, 209 cpv. 3 CC

9.  […] a)  Nel caso specifico l’investimento immobiliare di fr. 803 000.– risulta essere stato finanziato, oltre che con il (…) mutuo ipotecario, prevalentemente da acquisti, sicché il fondo va qualificato come acquisto. Accertato che al momento della liquidazione del regime dei beni il valore venale del medesimo era di fr. 965 000.–, risulta un plusvalore («maggior valore congiunturale») di fr. 162 000.–.

N. 6c Art. 132 cpv. 1 CC; 124 cpv. 1 vCC; 22b LFLP

4.  Quanto all’indennità vitalizia di fr. 500.– mensili sostitutiva della previdenza professionale (compresa nel contributo di mantenimento), il convenuto ribadisce che una simile pretesa non dà diritto a una «diffida ai debitori». Il Pretore aggiunto è stato di altro avviso con riferimento a Geiser/Senti (in: Schneider/ Geiser/Gächter [curatori], LPP et LFLP, commentario, Berna 2010, n. 9 ad art. 22b LFLP).

divorzio.ch

Il presente sito ha quale scopo quello di informare l'utente sulle questioni principali inerenti la procedura di separazione e di divorzio in Svizzera.

Il sito non è rivolto in modo esclusivo a giuristi, ma anche a chi desidera informazioni sulle procedure e conseguenze di una separazione o un divorzio. Sono inoltre pubblicati indirizzi ai quali rivolgersi in caso di problemi coniugali.
© 1999-2019 avv. Alberto F. Forni - Switzerland